Speciale VIAGGI D'ISTRUZIONE

Hotel del Camerlengo

Programmi Validi da Settmbre 2017 a Maggio 2018

Esempi di Viaggi di Educazione Ambientale 

Programma 1: IL PERCORSO DELL'ACQUA
Durata: INTERA GIORNATA SENZA PERNOTTAMENTO
Luogo: FARA SAN MARTINO

Programma 2: La STRAORDINARIA BIODIVERSITÀ della MAJELLA
Durata: 2 GIORNI - 1 NOTTE di PENSIONE COMPLETA
Luoghi: FARA SAN MARTINO, PALENA E LAMA DEI PELIGNI 

Programma 3: NATURA e ARTE nella MONTAGNA di CELESTINO V
Durata: 3 giorni/2 notti pensione completa + 1 pranzo 
Luoghi: FARA SAN MARTINO, PALENA E LAMA DEI PELIGNI 

Programma 4: NATURA & AVVENTURA
Durata: 4 giorni/3 notti pensione completa
Luoghi: FARA SAN MARTINO, PALENA E LAMA DEI PELIGNI
+ LA NOTTE SUPPLEMENTARE E LA GIORNATA TEMATICA a SCELTA 

 

Alcune attrazioni 

RAFTING PERCORSO CLASSICO
Discesa sul Fiume Aventino in gommone organizzata da una società specializzata in servizi sportivi nel territorio del Parco Majella
 
ORIENTEERING NEL PARCO
Attività di orienteering per scolaresche all'interno del Parco Attrezzato Acque Vive di Taranta Peligna (CH)
 
LA FILIERA DEL LATTE
Visita in fattoria, manipolazione e trasformazione del latte di pecora in formaggio. La caciottina viene riportata a casa dai ragazzi partecipanti
 
LE GROTTE DEL CAVALLONE (disponibilità da confermare in alcuni periodi dell'anno, spec. autunno e inverno)
Salita in cestovia nella Valle di Taranta Peligna, ingresso nelle grotte del cavallone (1475 s.l.m.) e visita guidata + attività didattiche nell'ipogeo dannunziano 


PARCO AVVENTURA MAJELLA
e' un parco acrobatico realizzato in altezza tra gli alberi ed immerso tra i pini di Piana delle Mele – Guardiagrele (Ch). L'attività del Parco Avventura consiste nell'affrontare gli oltre 150 giochi sospesi tra gli alberi, camminando tra passerelle, ponti tibetani e tunnel tirolesi mozzafiato, il tutto nella massima sicurezza e con l'assistenza del personale qualificato. I partecipanti, dopo aver indossato l'attrezzatura di sicurezza (imbrago, casco, sottocasco e guanti), seguiranno una spiegazione sulle tecniche di percorrenza da parte degli operatori e, sotto la loro guida, affronteranno i vari percorsi suddivisi in base ai livelli di difficoltà.

I nostri luoghi 

IL PARCO NAZIONALE DELLA MAJELLA, in Abruzzo, si presenta ai visitatori in uno scenario unico, nel cui territorio ad imponenti bancate di roccia calcarea si alternano caratteristiche località, valloni spettacolari, immensi boschi pieni di vita e l'eccezionale ricchezza degli altipiani meglio noti come Quarti. Istituito nel 1995, il Parco si estende per 74.095 ettari, è costituito dal Massiccio Montuoso della Majella, dal Porrara, dal Morrone e dai Monti Pizzi, alternati a valli ed altipiani carsici. Abbraccia 39 Comuni della provincia di Chieti, dell' L'Aquila e di Pescara. Da sempre la Majella è stata considerata "la montagna sacra" e luogo di culto. Tra le sue rocce infatti si possono incontrare numerose testimonianze lasciate da eremiti, che qui vissero in preghiera e preferirono la difficile solitudine della montagna alla più agevole vita in comunità. Caverne, eremi e luoghi di culto della Majella raccontano una storia lunga migliaia di anni. Fu proprio in questi posti che Celestino V, definito da Dante "il Papa del gran rifiuto", scelse per la prima volta di vivere la sua esistenza di eremita.
 
FARA S. MARTINO è la "porta naturale" del Parco sul versante orientale della Majella. Situata a 450 mt. di quota, famosa un tempo per i suoi lanifici, oggi famosissima per i suoi pastifici, ha come scenario il Vallone di S. Spirito che, attraverso le Gole di S. Martino, una forra naturale, permette di raggiungere la cima di Monte Amaro a 2795 mt s.l.m. Per queste caratteristiche, e per la presenza delle Sorgenti del fiume Verde, si offre per brevi escursioni naturalistiche alla portata di tutti. Nella piazza del centro storico è situato il Centro di Visita – Museo Naturalistico del Parco Nazionale della Majella, suddiviso in base ai vari ambienti della montagna, permette lo studio della flora e dalla fauna della Majella. Nella Valle di Santo Spirito procedono gli scavi archeologici per il recupero del vecchio Monastero Benedettino di San Martino in Valle (anno 832 d.C.).
 
GUARDIAGRELE, "la nobile città di pietra"– come la definì D'Annunzio immortalandola nel "Trionfo della morte" - è stata inserita nell'elenco dei centri storici più belli d'Italia. Adagiata su una dorsale dall'ampio orizzonte ai piedi della Majella, conserva un ricco patrimonio artistico all'interno dell'antico abitato, nel quale è riconoscibile il tracciato delle vecchie mura oggi inglobate in edifici civili. Notevole e di facile fruizione è il patrimonio naturalistico con numerosi sentieri che partono da località Bocca di Valle. Nel paese continuano tuttora le gloriose tradizioni secolari della lavorazione del ferro battuto e del rame.
 
LAMA DEI PELIGNI, situata a 669 metri di quota, sorge ai piedi della Majella ed offre al visitatore un ampio sguardo sull'intera Valle dell'Aventino. Le sue origini sono molto remote. Il territorio fu abitato sin dalla preistoria, come testimoniato dal ritrovamento archeologico di un villaggio e di grotte con pitture rupestri di età neolitica (7000 – 5000 a.C.). Da visitare, il centro storico con la Chiesa di San Nicola e Clemente (sec. XVI) ed il suo porticato, il Monastero di Santa Maria della Misericordia (sec. XIV) fondato dal Beato Roberto da Salle discepolo di Celestino V, il Museo naturalistico archeologico, il Giardino botanico della Majella, l'area faunistica del camoscio d'Abruzzo, la Grotta del Cavallone.
 
PALENA, è un centro situato a quota 800 metri, nel punto d'incontro dei valichi della Forchetta e di Coccia, insediato lungo le sponde del fiume Aventino che sorge in località Capo di Fiume alle falde del Monte Porrara. È presente un importante giacimento fossilifero, i cui reperti sono conservati nel Museo Geopaleontologico Alto Aventino allestito nelle sale del Castello Ducale. Sulle pendici del Porrara si conserva l'Eremo della Madonna dell'Altare, primo rifugio di Celestino V. In località Sant'Antonio è visitabile il MOM– Museo dell'Orso Marsicano- che attraverso le sale espositive descrive le caratteristiche biologiche e le abitudini di vita del placido plantigrado, senza trascurare la mitologia e la storia, per concludersi con le problematiche relative al rischio di estinzione e ai progetti per la tutela e salvaguardia dell'orso.
 
PESCOCOSTANZO è situato a 1300 metri di quota, nella zona degli Altipiani Maggiori d'Abruzzo. Importante è il suo aspetto storico-artistico che ha fatto del paese un centro d'arte sugli Appennini. Numerose le botteghe artigiane dedite alle produzioni orafe e storica la lavorazione del merletto a tombolo, oggi insegnata nella scuola, unica in Abruzzo, creata appositamente per non perdere questa tradizionale attività pescolana. Inoltre, non manca l'aspetto prettamente naturalistico che offre il Bosco di S. Antonio, faggeta secolare, selva magica che incanta il visitatore attento.


 

Gli operatori coinvolti 

L'Hotel Del Camerlengo, un complesso recentemente ampliato e ristrutturato, è una struttura attrezzata per congressi, vacanze, weekend, campi-scuola, campus estivi ed invernali, soggiorni climatici e sportivi. La struttura conta 2 "junior-suite" e 55 camere tutte finemente arredate e dotate di servizi indipendenti, telefono, musica diffusa e tv per un totale di 155 posti letto; tutte le infrastrutture sono prive di barriere architettoniche; sono inoltre disponibili due camere adatte per le esigenze dei disabili.
Gli spazi comuni sono molto curati e contano servizi quali: 2 Sale Ristorante per 800 coperti, Sala Colazioni, Sala Tv con ricezione via satellite, Sala Tè, Roof Garden di 400 mq, Solarium, Discoteca, Sala Giochi. L'Hotel offre servizi di Lavanderia, Baby sitting e Animazione con Formula Club. Per lo Sport ed il Tempo Libero l'hotel è attrezzato con Piscina scoperta, Campo di Calcetto, Campo da Basket, 2 Campi da Volley e un "Fitness Center" con Sauna, Palestra e Sala Spinning.
In estate, nei periodi delle festività di Natale, Capodanno, Epifania, Carnevale, Pasqua (e in altri periodi su richiesta) è attivato il servizio di animazione e intrattenimento con formula club, con uno staff che curerà l'organizzazione di attività sportive, cabaret, giochi, feste e un divertente baby-club per i più piccoli. In spazi adiacenti all'albergo è inoltre situato un Campo di Calcio comunale in erba (in fase di ultimazione). Il Centro Congressi dell'Hotel Del Camerlengo accoglie fino a 500 congressisti in sale attrezzate da 250, 100, 80 e 30 posti: a disposizione tutti i servizi audio-video, maxi-schermo per video proiezioni, lavagne luminose, ricezione tv via satellite, spazi uso segreteria. Per l'esposizione 1000 mq coperti.
 
Il C.E.A. LA PORTA DEL SOLE e STOP&GO gestiscono due strutture museali in convenzione con l'Ente Parco Nazionale della Majella: il Museo Naturalistico di Fara San Martino e il MOM, museo dell'orso marsicano di Palena. Le attività proposte dagli operatori mirano a far scoprire i meravigliosi ambienti del Parco Nazionale della Majella, coinvolgendo i visitatori mediante escursioni sul territorio, interessandoli poi con la conoscenza di reperti del mondo animale e vegetale, proiezioni di video e diapositive, utilizzo delle cartografie per l'orientamento e l'individuazione del territorio preso in esame.
Le visite si caratterizzano per l'aspetto didattico-ambientale, soprattutto se si scelgono i percorsi tematici per approfondire alcuni argomenti in maniera particolare: lo sviluppo sostenibile, la biodiversità, la geologia, l'acqua, la flora, la fauna e l'artigianato e i prodotti tipici locali. Obiettivo delle attività svolte è quello di far conoscere per amare e quindi rispettare.


Ultimo aggiornamento: